top of page

La vita dopo la morte sembra esistere. Alcuni scienziati hanno ricevuto una conferma.

Esiste un altro mondo oltre al mondo materiale visibile a tutti noi? Quello in cui dimorano le anime? Il buon senso impone che non c'è modo di rispondere a questa domanda. Tuttavia, gli scienziati, sorprendentemente, hanno un'opinione diversa. Pensano che ci sia un modo per capirlo. Ed è fornito da persone che hanno subito una morte clinica. Soprattutto tra coloro che convinti di essere stati nell'aldilà e quando tornano ricordano ciò che hanno visto. Esperienza di pre-morte (NDE - in inglese): questo è il nome di questo fenomeno.



Nel 2000, i medici - il cardiologo olandese Pim Van Lommel e il suo collega britannico Christopher French del London Centre for the Study of Abnormal Psychic Phenomena - hanno intrapreso il primo studio serio e su larga scala proprio su questa NDE con la partecipazione di 344 pazienti che si sono recati a l'altro mondo da 10 ospedali. I risultati hanno scioccato il pubblico. Soprattutto atei. I medici hanno ammesso di non essere riusciti a trovare prove convincenti dell'assenza di vita nell'aldilà. E secondo i loro dati, i pazienti temporaneamente morti "si sono avvicinati ai suoi cancelli".


Nel 2008, l'irrequieto Sam Parnia ha seguito le orme dell'olandese, che prima ha lavorato all'Università di Southampton (Università di Southampton), e ora lavora all'Università di New York (State University di New York). Con sé ha portato con sé circa 40 altri colleghi che si sono impegnati a controllare uno dei fenomeni più famosi che accompagnano le NDE. Vale a dire, fuori dal corpo. Dopotutto, circa un quarto dei morti resuscitati assicura: si sono visti di lato quando erano privi di sensi. Come se qualcosa lasciasse il corpo e lo guardasse dall'alto del soffitto.


Sam Parnia. Morte clinica. Pre-morte
Sam Parnia

Si presumeva che 25 ospedali in Inghilterra, Stati Uniti e Canada avrebbero preso parte allo studio. Con l'assistenza di rianimatori, gli scienziati esaminano 1.500 pazienti che hanno subito una morte clinica. E registreranno se uno di loro ha effettivamente lasciato il corpo. Per fare ciò, gli scaffali verranno installati nei reparti, proprio sotto il soffitto. E metteranno su di loro speciali carte di prova, in modo che non siano visibili dai letti. Ai risorti verrà chiesto cosa hanno visto. Se le persone volano, come previsto, sotto il soffitto, risponderanno.


Secondo il piano, la ricerca avrebbe dovuto concludersi nel 2011. Ma si è trascinata. Sam Parnia e colleghi hanno riassunto alcuni risultati solo nell'ottobre 2014, pubblicando i risultati sulla rivista Resuscitation.


Di conseguenza, sono stati esaminati più di 2060 pazienti.

Tutti i pazienti esaminati hanno avuto arresto cardiaco e morte clinica. Dopo di essa sono sopravvissute 330 persone. Circa 140 persone hanno riferito di NDE, poco meno della metà. E 26 pazienti hanno detto di essere usciti dal corpo.


Parnia non dice se qualcuno abbia visto le carte poste sotto il soffitto. Il 13 per cento dei pazienti ha descritto l'esperienza di separazione dal corpo.


Personalmente, per credere nell'esistenza sia dell'anima che dell'altro mondo, mi basterebbe una risposta corretta. E la risposta è, ma ricevuta in modo diverso - Sam Parnia

Gli scienziati hanno documentato la testimonianza di un assistente sociale di 57 anni del Regno Unito, che era in uno stato di morte clinica per tre minuti. Ha descritto accuratamente ciò che stava accadendo in quel momento, comprese le azioni dei medici coinvolti nella rianimazione e i suoni dell'attrezzatura. L'apparecchiatura dava periodicamente segnali.


Il cervello di solito si spegne 20-30 secondi dopo che il cuore si è fermato e, privato dell'ossigeno, non riesce a ricordare nulla. E se questo accade davvero, allora la coscienza, o l'anima, è in grado di esistere al di fuori del cervello - afferma Sam Parnia.

Tuttavia, gli scienziati sono cauti con le conclusioni scientifiche. Nel rapporto, sottolineano che finora possono solo parlare del fatto che la coscienza persiste per almeno tre minuti dopo la morte. Già qualcosa. Un'allusione piuttosto seria all'esistenza dell'altro mondo.


I "risorti" o "temporaneamente morti" - come desideri - convinti di essere stati nell'altro mondo. Almeno alla sua porta. Sono tornati. E hanno parlato di quello che hanno visto lì. Chi si ricordava, ovviamente.


Di norma, ricordavano il tunnel e il rapido movimento lungo di esso, la vita che brillava davanti ai loro occhi.

Qualcuno lungo la strada ha incontrato parenti morti, altri - angeli, qualcuno - demoni e alcune strane creature. E alcuni, tornando, assicurarono che stavano lasciando i loro corpi e, dopo essersi svettando, osservarono il loro corpo di lato. Molto spesso in cima.

Morte clinica. Esperienze di pre-morte. NDE

È possibile considerare una NDE, anche se indiretta, ma comunque una prova che la vita non finisce? Che oltre al mondo materiale visibile a tutti noi, ce ne sia un altro? Quello in cui dimorano le anime? Queste domande sono state poste dagli scienziati. Ed ecco cosa testimoniato alcuni membri del gruppo Facebook "La Fase: I Viaggi Astrali - OBE - I Sogni Lucidi": persone che hanno subito una morte clinica e hanno lasciato i loro corpi.


Molti anni fa ho dovuto fare un piccolo intervento chirurgico - sulla parte femminile. In sala operatoria, l'anestesista ha chiesto della mia età, peso, se avessi allergie e così via, e poi ha iniettato una specie di farmaco in vena. La donna chirurgo in quel momento disse: "Conta fino a dieci". Mi sono visto dall'alto al conteggio di tre. Mi sentivo male. Ho davvero guardato tutto quello che è successo intorno, ma solo di lato. Ho sentito tutto. Ricordo l'orrore e la paura che provai allora. Soprattutto quando ho visto come venivo portato su una barella in reparto ... Ma dopo questo incidente, la mia paura della morte è passata, ho iniziato a trattarla come una nuova avventura della mia anima. Stefania

All'età di 33 anni, ho sperimentato la morte clinica. Era mattina presto. Mi sentivo volare giù per uno stretto tubo da qualche parte senza toccare le pareti. E in lontananza, una luce tremola nel tubo, simile a una debole lampada elettrica. Poi tutto è scomparso... Mi ha riportato mio marito, che ha trascinato il mio corpo a terra e ha iniziato a fare la respirazione artificiale... Paola

Ho visto una pipa nera e una luce in lontananza all'età di 12 anni. Volando attraverso di essa, ho visto come gli eventi della mia vita scorrevano nella mia mente con una velocità tremenda. Era il 1965. Nessuno sapeva di Internet all'epoca. Non ho visto libri su questo argomento e non ho sentito storie. Alessandro

Non avrei mai creduto a queste sciocchezze se non l'avessi sperimentato io stessa. Avevo 18 anni, ricoverata in ospedale per problemi ai reni. Dopo un'ora tranquilla, il mio futuro marito e mia sorella sono venuti da me, sono uscita da lui, abbiamo parlato nel corridoio. Improvvisamente ho sentito un forte ronzio nelle orecchie, le gambe hanno ceduto, l'unica cosa che ho potuto spremere da me stessa era: "Mi sento male". E probabilmente è svenuta. Poi mi sono visto dall'alto! Vedo che sono seduta su una sedia, che il mio futuro marito mi tiene in braccio, le infermiere corrono, una di loro mi rimbocca la manica, l'altra mi dà qualcosa da annusare... Prima di questo incidente, non pensavo alla morte, a un altro mondo, alle anime, non leggevo tale letteratura e non c'era Internet allora. Pertanto, escludo alcuni momenti stereotipati dalla versione che il cervello ha funzionato in questo modo, "portandolo fuori dagli schemi". Veronica

Era l'agosto 2002. Secondo infarto. Mia moglie ha chiamato un'ambulanza e sono arrivati ​​rapidamente. Cosa mi hanno fatto, non ricordo. Ma ad un certo punto, ho visto tutto quello che stava succedendo, come dall'alto: uno dei dottori si è chinato sulla sua valigia, ha raccolto qualcos'altro per farmi l'iniezione, e il secondo in cucina ha calmato mia moglie che piangeva, dicendole che hai bisogno essere pronto a tutto. Poi le ho detto quello che ha detto, ha confermato. C'era un colore soprannaturale intorno a me, a quanto pare, qualcosa di turchese e un inesplicabile stato di beatitudine, nessuna paura, mi sentivo molto bene, a mio agio. Sono stato in uno stato di morte clinica per circa un minuto. Il fatto che io guardassi tutto quello che succedeva dall'alto e potessi essere sia nella stanza che in cucina allo stesso tempo è un dato di fatto. Ad un certo punto ho anche provato a leggere i nomi dei farmaci nella valigia, su cui si era chinato uno dei dottori. Il ritorno al mio corpo non ricordo. Nicola

Ho sperimentato la morte clinica. C'era un'uscita dal corpo. In quel momento, ho smesso assolutamente di interessarmi a tutto ciò che è terreno, tutto ciò che è materiale. Mi sono solo guardato un po' intorno. Ho visto il mio corpo sdraiato sul tavolo operatorio, un gruppo di medici attorno ad esso. Ma questo è tutto per un momento. A quel tempo, non mi importava affatto. Mirco

A 32 anni ho vissuto anchè io un'esperienza di pre-morte. E la sensazione che ho vissuto rimane forte anche oggi. Questa esperienza ha diviso la mia vita in prima e dopo.

Basti pensare che, ho visto il mondo in cui si arriva dopo la morte - ho pensato allora. Naturalmente, non ho visto tutto, e ora la mia comprensione dell'esperienza è cambiata, ma allora per me è stata una bomba.


Il fatto stesso che l'attività psichica possa essere al di fuori del corpo biologico non può non cambiare l'idea della vita.

Dopo tutto, questo suggerisce che dopo la morte del corpo fisico c’è qualcosa. Ma cosa? Quelli cose che ci dicono le religioni tradizionali, come l'inferno e il paradiso e così via?


Non volevo crederci, poiché la mia percezione mi ha mostrato un modello dello spazio al di fuori dal corpo più complesso. Volevo saperne di più su quel mondo. Dopotutto, un giorno dovrò passare di là. E voglio essere pronta per questo. E questo inesorabile desiderio di sapere ha determinato, cosa desidero di fare nella vita.


Voglio essere una esploratrice del mondo oltre i limiti imposti dal nostro corpo biologico.


È possibile? La coscienza è in grado di esistere al di fuori della forma biologica, o è solo un gioco cerebrale, un'allucinazione? Come spiegare la previsione di ciò che non è accaduto o l'influenza del pensiero sulla realtà? È possibile gestirlo coscientemente? È possibile sviluppare abilità spirituali che danno potere sulla vita materiale?


Quante domande sono apparse.


È divertente, ma l'uscita dal corpo non fa stessa impressione su molte persone. Molte persone, avendo sperimentato qualcosa di simile, rimangono per lo più spaventati. Qualcuno corre in chiesa, qualcuno pensa che stia impazzendo e qualcuno lo prende secondo il principio: "lo era e va bene" e minoranza diventano esploratori come me.


Per me personalmente tutto è cambiato. Valori nella vita, obiettivi, motivazioni, ragioni. Tutto è diventato completamente diverso.

L'esperienza al di fuori del corpo mi ha dato prove indirette della possibilità di una vita dopo la morte. E se c’è dopo la vita, allora cambia tutto. Non è vero?

E così ha iniziato la mia strada. Un evento sul quale, se pensi un po’ ', cambia tutta la tua vita futura.​

Comments


bottom of page